The coronavirus pandemic has gripped the entire world. With lakhs of people infected, health professionals around the world are trying their best to cater to the patients.

Health workers, including doctors and nurses, have to work on the front-line for long hours, tending to the patients and this can put them through both, physical and mental trauma.

Source: dallasnews

Some health workers took to social media to share the pictures of their bruised faces as a result of wearing protective masks all day long.

This nurse from Italy shared a picture of her face bruised by the constant use of masks while tending to coronavirus patients. In her Instagram post, she wrote:

I am psychologically tired, and as I am all my colleagues who have been in the same condition for weeks, but this won’t stop us from doing our job like we have always done. I will continue to care and take care of my patients because I am proud and love my job.
View this post on Instagram

Sono i un'infermiera e in questo momento mi trovo ad affrontare questa emergenza sanitaria. Ho paura anche io, ma non di andare a fare la spesa, ho paura di andare a lavoro. Ho paura perché la mascherina potrebbe non aderire bene al viso, o potrei essermi toccata accidentalmente con i guanti sporchi, o magari le lenti non mi coprono nel tutto gli occhi e qualcosa potrebbe essere passato. Sono stanca fisicamente perché i dispositivi di protezione fanno male, il camice fa sudare e una volta vestita non posso più andare in bagno o bere per sei ore. Sono stanca psicologicamente, e come me lo sono tutti i miei colleghi che da settimane si trovano nella mia stessa condizione, ma questo non ci impedirà di svolgere il nostro lavoro come abbiamo sempre fatto. Continuerò a curare e prendermi cura dei miei pazienti, perché sono fiera e innamorata del mio lavoro. Quello che chiedo a chiunque stia leggendo questo post è di non vanificare lo sforzo che stiamo facendo, di essere altruisti, di stare in casa e così proteggere chi è più fragile. Noi giovani non siamo immuni al coronavirus, anche noi ci possiamo ammalare, o peggio ancora possiamo far ammalare. Non mi posso permettere il lusso di tornarmene a casa mia in quarantena, devo andare a lavoro e fare la mia parte. Voi fate la vostra, ve lo chiedo per favore.

A post shared by Alessia Bonari (@alessiabonari_) on

Similar pictures of nurses working in China's hospitals were also shared on social media.

Dr. Nicola Sgarbi, a doctor from Italy, shared a picture of him after working 12 hours to treat the infected patients while wearing protective equipment.

Source: Reddit

These pictures speak a lot about the physical and emotional toll this pandemic is taking on our health professionals.